L’acquedotto intelligente di Trieste risparmia 6 miliardi di litri d’acqua in un anno

Nel primo anno di operatività, il progetto eAqua ha avuto un impatto al di là delle aspettative sulle perdite di rete. Benefici anche sui consumi energetici. Entro metà del 2017 sarà smart anche il ciclo fognario e depurativo

Perdite di rete dal 45% al 42%: avviato un ciclo virtuoso
Ha concluso il primo anno a regime il progetto eAqua, implementato da AcegasApsAmga per rendere più intelligente e risparmiosa la rete idrica triestina. E i risultati ottenuti sono andati ben al di là delle più rosee aspettative. Nel 2015, grazie a eAqua, è stata evitata la dispersione in rete di ben 6 miliardi di litri d’acqua potabile, a fronte dei 3 miliardi stimati a inizio 2015 come target annuale: di fatto, il doppio. In termini pratici, l’equivalente di 4 miliardi di bottiglie da un litro e mezzo d’acqua minerale.
Trieste dunque, pur con perdite di rete ancora alte in senso assoluto (circa il 42%), ha potuto abbattere tale percentuale di ben 3 punti percentuali lo scorso anno, avviando un percorso virtuoso che si pone l’obiettivo di abbattere la soglia del 40% di perdite di rete entro la fine del 2016. Un risultato straordinario soprattutto in considerazione dell’orografia di Trieste e della vetustà di una rete idrica ottocentesca.

In cosa consiste il progetto eAqua: controllo totale del ciclo idrico
eAqua si prefigge di monitorare e controllare l’intero ciclo idrico della città dal momento della captazione dell’acqua dalle sorgenti, fino alla sua restituzione all’ambiente a valle della depurazione.
Nel 2015 è entrata a regime la prima parte del progetto, quella inerente i circa 1.100 km di rete d’acquedotto (l’acqua potabile che dalle sorgenti arriva nelle abitazioni). L’obiettivo è apparentemente molto semplice: dissetare i triestini immettendo meno acqua nelle condotte. Ciò avviene grazie a due elementi: la riduzione delle perdite di rete e la gestione efficiente della pressione d’esercizio nelle condotte.

Come ti riduco le perdite: la distrettualizzazione della rete
Il lavoro sviluppato fra 2014 e 2015 dall’ingegneria idrica AcegasApsAmga, in collaborazione con i comuni dell’area triestina, ha suddiviso virtualmente e fisicamente (distrettualizzare, tecnicamente) la rete idrica di Trieste, San Dorligo Della Valle, Duino-Aurisina e Muggia in 78 distretti e sottodistretti. Il distretto è una zona urbana a cui sottende una porzione limitata di rete (20 km circa) nella quale viene costantemente monitorato in real time il percorso dell’acqua, da cui diramano tante condotte secondarie. L’acqua esce poi da quella zona attraverso un’altra condotta principale. Sono così stati installati misuratori di pressione e portata idrica in entrata e in uscita da ogni distretto. Una sorta di porta d’accesso fisica e virtuale in grado di comunicare in tempo reale il consumo di acqua di un’area molto localizzata. I dati affluiscono poi su un software che li rappresenta su cartografia e, soprattutto, li elabora confrontandoli con il consumo medio notturno di ciascun distretto, che rappresenta il minimo consumo di ogni area. Se, rispetto a tale indicatore, vengono rilevati consumi superiori, significa che probabilmente nella zona c’è una perdita. A quel punto è possibile inviare sul posto tecnici specializzati che con i “geofoni” (strumenti che “ascoltano” il rumore dell’acqua nei tubi riuscendo a rilevare le discontinuità), sono in grado di individuare molto velocemente la perdita, con un’approssimazione di alcuni metri. I risultati del primo anno di attività hanno, come detto, superato le attese. Nel 2014 nella rete di Trieste sono stati dispersi in rete ogni giorno 60 mc d’acqua per ogni km di condotte. Nel 2015 si è scesi a 45 mc, con un risparmio di ben 15 mc. Moltiplicando tale valore per i 365 giorni dell’anno e per i 1.100 km di rete cittadina, si arriva alla considerevole cifra di 6 milioni di mc, vale a dire 6 miliardi di litri d’acqua risparmiati in un anno.