Giunto al termine del secondo mese, il Concorso Trieste Premia per vincere la sfida della raccolta differenziata, finalizzato a sensibilizzare i cittadini a una corretta differenziazione dei rifiuti e disincentivare l’abbandono di rifiuti sul suolo pubblico, continua a riscontrare un buon gradimento da parte dei cittadini. Anche nel mese di novembre sono stati numerosi i triestini impegnati a migliorare la qualità della raccolta differenziata e mantenere il decoro in città: in 1.022 hanno portato ai 4 centri di raccolta comunali un totale di 16.432 materiali destinati alle diverse filiere per il corretto riciclo o smaltimento.

Tra le tipologie di rifiuti conferibili, sono stati raccolti, soprattutto: apparecchiature elettriche ed elettroniche in disuso e piccoli elettrodomestici, i cosiddetti RAEE (2174 pezzi); rifiuti ingombranti come mobili, materassi e giochi grandi (1716 pezzi); calcinacci e inerti di piccole demolizioni (1431 secchi); oggetti in legno di grandi dimensioni (1686 pezzi); oggetti di metallo di grandi dimensioni, come reti, scaffali, armadietti (1188 pezzi); tubi fluorescenti e altri rifiuti contenenti mercurio (927) e 645 litri di olio alimentare esausto.

In aumento rispetto al mese di ottobre, ma ancora scarsi, i conferimenti di scarti verdi dei giardini: sono stati 1209 i sacchi da 50 litri e 412 le fascine da 20 Kg di erba, foglie, ramaglie e altri scarti vegetali consegnati ai centri di raccolta in novembre.
Da evidenziare i conferimenti di una categoria di rifiuti il cui potere inquinante è stato per molto tempo sottovalutato: gli oli commestibili esausti. Sono oltre 210 milioni all’anno i litri di olio che buttiamo via, un mare di olio che ciascuno può contribuire a raccogliere e recuperare. Se si considera che con un litro di olio alimentare esausto si producono circa 4 kWh di energia elettrica oppure 1 litro di biodiesel, i 1.324 litri finora conferiti dai partecipanti al concorso hanno consentito una efficace tutela dell’ambiente, essendo stati destinati alla produzione di biodiesel.

Non vanno assolutamente conferiti assieme agli oli alimentari esausti: olio minerale, da motore e da ingranaggi, altri fluidi e prodotti chimici, che hanno, invece, una propria filiera di recupero. Gli “oli lubrificanti usati”, una volta raccolti, sono impiegati nella produzione di prodotti rigenerati – le basi lubrificanti – con caratteristiche equivalenti ai lubrificanti ottenuti dalla raffinazione del petrolio, con evidenti benefici ambientali. La rigenerazione ha anche un alto rendimento: da 100 kg di olio usato si possono ottenere circa 65 kg di olio base rigenerato e 20/25 kg di gasolio e bitume, consentendo così un risparmio significativo sulla bolletta energetica italiana. Infatti circa il 25% del mercato delle basi lubrificanti in Italia è costituito da basi rigenerate. In questi due mesi nei centri di raccolta sono stati conferiti 203 contenitori da 2-3 litri di oli lubrificanti.

“Trieste premia” proseguirà anche a dicembre. Ricordiamo che partecipare al concorso è molto semplice, basta portare i rifiuti ai centri di raccolta o ai Centri di raccolta mobili, e al momento del primo conferimento compilare e sottoscrivere il modulo di adesione al concorso – autocertificando le proprie generalità, la circostanza di essere residenti nel Comune di Trieste, di non conferire rifiuti prodotti da soggetti esclusi dal concorso – nonché l’informativa in tema di privacy. Per essere registrati nel database come partecipanti al concorso e tenere aggiornato il proprio saldo punti ad ogni conferimento, è necessario fornire agli operatori il proprio Codice Fiscale anche tramite la lettura del codice a barre sulla Carta Regionale dei Servizi. La classifica e l’elenco dei vincitori saranno pubblicizzati alla fine di ogni mese mediante conferenza stampa mensile e sui portali web del Comune di Trieste e di AcegasAps.
Ogni mese, ai 100 cittadini più “ricicloni” sarà assegnato un premio scelto per promuovere stili di vita più sostenibili, mentre tutti coloro che raggiungeranno almeno il punteggio complessivo di 50 punti, parteciperanno all’estrazione mensile di uno Smart Box tour per visitare una delle capitali più smart d’Europa a scelta tra Stoccolma, Amsterdam, Vienna, Parigi, Berlino e Barcellona.

Oltre ai premi previsti dal concorso, l’Amministrazione comunale di Trieste, in base all’articolo 13 bis del Regolamento comunale sui rifiuti e sui servizi, applicherà già da quest’anno una sostanziosa riduzione della Tares a beneficio dei cittadini più virtuosi: saranno premiati i primi 500 cittadini della graduatoria complessiva dei tre mesi di concorso. Ai primi 100 classificati andrà una riduzione della Tares di 150 euro ciascuno, a quelli dal 101 al 350esimo posto sarà attribuito uno sconto di 100 euro; infine dal 351 al 500esimo posto si otterrà una riduzione di 60 euro. Naturalmente bisognerà anche essere in regola con gli adempimenti d’iscrizione e di pagamento della Tares.
Tutte le informazioni sul concorso e le modalità di partecipazione sono consultabili sui siti web di AcegasAps e del Comune di Trieste e, per i possessori di smartphone, utilizzando il QR code presente sui materiali informativi.

COMTS

Conferimenti Novembre 2013 [.pdf]